Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Le parole che non ti ho detto.

La vita come strada.

E ogni strada, è una tra le tante strade possibili.

Una strada, è anche un percorso, se mettiamo i piedi uno davanti all'altro. Anche se li mettiamo uno dietro all'altro, dopo tutto.

Possiamo andare in ogni direzione. Sarà comunque una strada che noi percorreremo, o un sentiero che batteremo per primi. E i nostri passi, saranno lì a ricordarci il percorso compiuto.

E cosa sono i passi, dopo tutto, nei nostri giorni? E come facciamo a sapere dove mettere il piede per fare il prossimo passo? Veso dove dirigiamo il nostro guardo perscegliere dove dirigerci ancor prima che il piede sia sollevato?

Queste sono le poche domande che pongo a me stesso, oggi, domenica di giungo, e a voi.
Perché le pongo oggi? Perché come sempre, ciò che scrivo è frutto di una rielaborazione di ciò che mi accade attorno.

Stamani, tornando dal mercato, ho assistito ad una scena. Nessuna considerazione, cercherò di raccontare il fatto come avvenuto.
Marciapiede. Una signora davanti a …

Ultimi post

I secondini delle parole: sbarre di una prigione invisibile.

I secondini delle parole: sbarre di prigioni invisibili.

Lentamente vive chi…